mercoledì 29 agosto 2012

BATMAN #3

Cattivoni alla ribalta

Nel momento il cui tutto il mondo parla del Cavaliere Oscuro, non possiamo esimerci dal continuare la tradizione (inaugurata dal sempre ottimo Rolando Veloci) di raccontare le nostre impressioni su ogni numero della più interessante serie Dc del momento.

HELLBOY

"Il richiamo alle tenebre" e "La caccia selvaggia"





Un intero volume scritto e disegnato da Mike Mignola rappresenta un piacere per gli occhi e uno stimolo perpetuo alle più gotiche fantasie di ognuno di noi. Tavole minimali e piene di ombre e piccoli segni si sposano con una prosa poetica e decadente, zeppa di profezie ed elementi fantastici.

sabato 25 agosto 2012

BRENDON #86

Chiaverotti e Roi insieme? Meraviglia!





Prima di iniziare i nostri deliri da recensori, vogliamo – una volta di più, che non guasta – ringraziare il divo Claudio Chiaverotti per le splendide parole che ha voluto e saputo usare per parlare di noi Audaci (orgoglio, eh!) sulla posta di questo numero estivo di Brendon: siamo noi a gongolare ogni volta che abbiamo l’onore di leggere una tua storia, caro Claudio. Grazie di cuore.

venerdì 17 agosto 2012

JOHN DOE

La fine.



Quest’albo numero 22, piccolo oggetto di un centinaio di pagine, segna la preventivata fine (probabilmente definitiva) dell’avventura editoriale di John Doe. 
Meritano subito un piccolo cenno i disegni: incredibile a dirsi ma le prime 11 tavole sono disegnate – rullo di tamburi – da Massimo Carnevale (ex copertinista che non aveva mai disegnato gli interni di un albo, eccezion fatta per quel numero 78 che raccoglieva tutte le cover), con dei giochi di luci e ombre e dei volti scolpiti nella pietra che valgono da soli i 3 euro dell’albo.

domenica 5 agosto 2012

La strada per AvX

Avengers: X-Sanction #1 (di 2)




Davanti a delle pagine sceneggiate da Jeph Loeb di solito puoi immaginare di avere a che fare con un blockbuster. Il che andrebbe anche bene, se non fosse che la qualità di tale fumetto cattura-soldi purtroppo può oscillare tra una pellicola diretta dai fratelli Cohen (per lo più comunque legate a un certo stile e che garantisce un minimo di qualità) e un lungometraggio-fotocopia di quel furbone di Emmerich (che dopo “2012” sicuramente non necessita presentazioni), tra un “Avatar” e un “Rambo”.