sabato 8 marzo 2014

FOCUS ON...Brian K. Vaughan!

Uno sguardo sull'attività fumettistica dell'autore di Saga, Y: L'ultimo uomo, Ex-Machina e The Private Eye

È un buon momento per Brian K. Vaughan. Per gli appassionati di serie tv rappresenta soprattutto uno degli autori di Lost e, più di recente, il creatore di Under The Dome (basato su un romanzo di Stephen King). Per gli amanti del fumetto americano, Vaughan non smette di rivelarsi un autore legato a tante serie da tener d'occhio.

Intanto Saga, l'apprezzatissima serie Image tra il fantasy e la fantascienza (da noi tradotta dalla Bao Publishing), co-creata con la disegnatrice canadese Fiona Staples, si è rivelata una delle idee fumettistiche più coinvolgenti degli ultimi anni. La storia di due innamorati provenienti da famiglie contrapposte in una guerra infinita, potrebbe sembrarvi un plot trito e ritrito. Eppure con personaggi, ambientazione, modo di raccontare, colpi di scena, disegni, caratterizzazioni (insomma tutto) cattura già dalla lettura delle prime pagine e non vi abbandona più (speriamo comunque di recensire audacemente e approfonditamente questo fumetto appena possibile!).


Tornando a Vaughan e al suo buon momento, la casa editrice novarese RW/Lion si è accorta benissimo del fatto, pubblicando innanzitutto una ristampa 
in piccoli spillati a basso prezzo di Ex-Machina (una delle serie che lanciò Vaughan, ai tempi della Wildstorm)per i disegni dell'ottimo Tony Harrisin cui si narrano le strane avventure di un sindaco di New York, Mitchell Hundred, che poi nella confusione è pure un supereroe. 



Ma la Lion, non contenta, ha deciso anche di ristampare in bianco e nero, e in formato bonelliano, Y: L'Ultimo Uomo, l'apprezzatissima serie Vertigo sulla scomparsa di tutti gli esseri maschili dalla faccia della Terra (tutti tranne un paio!): co-creata da Pia Guerra (e le cui cover sono per buona parte di Massimo Carnevale), questa serie molto particolare ha convinto tanti lettori e critici da ritenerlo uno dei comics USA più importanti degli ultimi decenni (anche di questa speriamo di parlarvi a breve!).



Infine, come se non bastasse, sempre la Lion ha ben pensato di recuperare il ciclo inedito dell'autore su Swamp Thing, a partire da gennaio 2014 e con la stessa formula di Ex-Machina (e del Tom Strong di Alan Moore); queste storie, incentrate su Tefé Holland, figlia di Swamp Thing e Abigail Arcane, vedono per alcuni numeri i disegni del nostrano Giuseppe Camuncoli.



A tutto questo è importante aggiungere il digital comic book The Private Eye, realizzato in collaborazione con il grandissimo disegnatore Marcos "Daredevil" Martin e venduto sagli stessi autori sul sito di Panel Syndicate a un prezzo deciso dall'utente! Di questa serie sulla privacy e sui mezzi di comunicazione moderni bisognerebbe parlare più nello specifico, ma vi rimandiamo per il momento all'ottimo articolo dell'amico Davide Grilli realizzato per Lospaziobianco.


















Insomma, la chiudiamo qui sennò sembra quasi una pubblicità (e comunque abbiamo tenuto fuori da questi discorsi i vari RunawaysDr. StrangePride of Baghdad ecc.), in tutti i modi se volete leggere mensilmente qualcosa dello scrittore americano, non avete che l'imbarazzo della scelta!


Giuseppe "Giuppo" Lamola


Nessun commento:

Posta un commento